:: Artchivium ::

IL PROGETTO SCIENTIFICO
Il progetto Artchivium nasce dall'incontro fra arte e digitalizzazione, tra studio e condivisione web. La doppia vocazione si concretizza: da una parte, nella pubblicazione in rete delle informazioni ricavate da quei documenti d’archivio – editi e inediti - che non sono facilmente consultabili o reperibili; dall'altra, nello studio archivistico vero e proprio. In particolare, Artchivium concentra la propria attenzione sulle gallerie ex fedecommissarie romane, divenute dalla fine dell’Ottocento musei pubblici.

Il progetto verte sullo studio e sulla trascrizione di inventari storici, libri e documenti di contabilità degli artisti, così come quelli notarili o di altra tipologia, per tentare di ricostruire la storia delle opere d'arte lì citate, fino a poterne accertare provenienza, identità e ubicazione. Molte delle opere d’arte provenienti dalle collezioni fedecommissarie, infatti, hanno subito nel tempo spostamenti e trasformazioni di cui spesso non è rimasta traccia.

Attraverso lo studio attento e la comparazione della documentazione archivistica si vuole far luce sullo stato originario delle collezioni storiche e i dati così ricavati permetteranno di tracciare una mappa che indichi quanta parte di questo enorme patrimonio si trovi ancora nelle sedi originarie, quanta abbia trovato altre destinazioni o quanta, invece, sia andata dispersa. Ricostruire la storia delle opere "ex fedecommissarie" e le loro vicende collezionistiche vuol dire recuperare la testimonianza tangibile delle trasformazioni di gusto, di interesse, di coscienza critica nella cultura artistica italiana.

Un lavoro su fonti plurime e multidisciplinare, i cui risultati confluiscono in una bancadati informatizzata per renderli fruibili liberamente on-line. Artchivium promuove, inoltre, la collaborazione con istituti culturali, università, istituti di ricerca, ma anche con singoli studiosi, per integrare diversi progetti di indagine e contribuire a espandere l'archivio virtuale.